La Giostra moderna

La Giostra consiste nel compiere tre tornate al Campo de li Giochi di Foligno nel minor tempo possibile, infilando tre anelli appesi ad una statua (la “Quintana”) per ciascuna tornata senza incorrere in penalità.
Il diametro degli anelli diminuisce progressivamente nei tre turni della gara (8cm, 6cm, 5cm).

Dal 1946 al 1978, salvo eccezioni, la Giostra della Quintana si è svolta ogni seconda Domenica di Settembre, preceduta dal Corteo Storico del Sabato sera.

Dal 1979 al 1999, salvo eccezioni, si sono svolte due Giostre, denominate Sfida e Rivincita, la seconda e terza Domenica di Settembre, con il Corteo Storico al Sabato antecedente la Giostra della Sfida.

Dal 2000 ad oggi, sempre salvo eccezioni, si svolgono due Giostre, una a metà Giugno, di Sabato sera, preceduta dal Corteo Storico il Venerdì, l’altra a metà Settembre, di Domenica pomeriggio, preceduta dal Corteo Storico il Sabato.

collage3


 

Dal 1946 al Settembre 2014 si sono corse 108 Giostre ed assegnati 109 Palii (1 ex-aequo nel 1957), di cui:

2 a Roma, Olimpiadi 1960 e Campionati Europei di Atletica 1974;

3 abbinate alla Lotteria Nazionale negli anni 1992, 1996 e 1997;

3 Giostre non si sono svolte ed i Palii non sono stati assegnati: 1969 a causa di un violento nubifragio, 1984 per la pioggia, edizione speciale in onore del Presidente della Repubblica Sandro Pertini e 1997 a causa del terremoto di due giorni prima;

1 palio è stato revocato nella Giostra della Rivincita 2002, vinta dallo Spada, vittoria poi annullata a seguito dei controlli antidoping sul cavallo ed il Palio è stato assegnato al Rione secondo classificato: l’Ammanniti.

Dal 1946 al 1978 si è corsa una Giostra l’anno, ad eccezione del 1960 (Edizione Olimpica a Roma), del 1969 (Non disputata a causa di un violento nubifragio) e del 1974 (Edizione Europei di Atletica a Roma).

Dal 1979 al 1999 si sono corse 2 Giostre l’anno, denominate Sfida e Rivincita, la seconda e la terza Domenica di Settembre, ad eccezione degli anni 1992 – 1996 – 1997 in cui è stata corsa una Giostra aggiuntiva abbinata alla Lotteria Nazionale; nel 1997 non si è disputata la Giostra della Rivincita a causa del Terremoto.

Nel 1984 si sarebbe dovuto celebrare l’arrivo a Foligno del Presidente della Repubblica Sandro Pertini con una Giostra in suo onore, ma a causa del maltempo non venne effettuata.

Dal 2000 ad oggi le due Giostre si corrono a metà Giugno ed a metà Settembre, la prima di Sabato sera, in notturna, la seconda di Domenica pomeriggio.


link

Date e curiosità sulla Giostra della Quintana di Foligno

17 Settembre 1950: Prima Giostra sul percorso ad “8”.

21 Settembre 1952: Prima volta in cui fu necessaria la terza tornata tra Contrastanga e Spada; vinse lo Spada.

12 Settembre 1954: Record di pista del Fedele di Croce Bianca, Marcello Formica, su Piccolo: 1’47” e 2/5.

11 Settembre 1955: Il dodicenne Paolo Giusti esordì nella Giostra della Quintana con il Rione Contrastanga.
Il padre Cruciano, anche lui Cavaliere di Giostra per lo stesso Rione, era morto colpito da un calcio del cavallo che stava addestrando.

8 Settembre 1957: Si dovette ricorrere ancora alla terza tornata per stabilire il vincitore: Paolo Giusti del Contrastanga concluse le tre tornate senza penalità; l’ultima con un tempo di 1’55’’ mentre Marcello Formica del Croce Bianca compì l’ultima tornata nel tempo (record) di 1’47’’, ma incorse in una penalità per “imprecisione di percorso”.
La cronaca della gara, inoltre, riportò che Formica, al secondo giro della terza tornata, avrebbe colpito la statua e non infilato l’anello, ma alla Giuria ne consegnò comunque tre.
La Gazzetta di Foligno ipotizzò che l’anello, sbalzato dal braccio della Statua a causa del colpo preso, sia andato a finire addosso al Cavaliere che poté così consegnarlo alla Giuria.
Formica non accettò la penalità e presentò denuncia in Tribunale, sostenuto dall’allora Priore, Marina Gianformaggio, contro l’Ente Giostra, per “errata interpretazione del regolamento di Giostra”, e querelò la Gazzetta.
L’Ente si difese ricordando l’inappellabilità del verdetto della Giuria ma comunque, nell’Aprile dell’anno successivo, per evitare il proseguimento dell’iter processuale, stabilì di assegnare la vittoria “ex-aequo”.
A questo punto insorse il Contrastanga, che era alla sua prima vittoria, rifiutandosi di riconoscere il verdetto e riconsegnando il Palio e la Coppa vinti il settembre precedente.
Dopo lunghe trattative e discussioni, l’Ente Giostra fece preparare due nuovi Palii da consegnare ad entrambi i Rioni, ma il Contrastanga dichiarò di non volerne sapere.
Alla fine si raggiunse il tanto atteso accordo: un palio ciascuno ma un’inimicizia che durerà negli anni.

7 Settembre 1958: Marcello Formica, dopo aver vinto il Palio per il Rione Croce Bianca, annunciò il ritiro.
Rimase fermo però solo un anno, tornando a difendere i colori biancorossi nel 1960.

21 Agosto 1960: Edizione speciale della Giostra della Quintana al Circo Massimo di Roma, nell’ambito delle manifestazioni collaterali alle Olimpiadi. Vinse Marcello Formica del Croce Bianca, ancora su Piccolo.

14 Settembre 1969: Un nubifragio si abbattè su Foligno, costringendo gli organizzatori ad annullare la Giostra della Quintana.

9 Settembre 1973: Paolo Giusti del Morlupo, in sella a Nabucco, stabilì il nuovo record di pista: 1’15″2°°.

3 Settembre 1974: Ancora a Roma, a Piazza di Siena, nell’ambito delle manifestazioni collaterali ai Campionati Europei di Atletica; vinse Paolo Giusti per il Morlupo, in sella a Nabucco.

14 Settembre 1975: Venne eliminata la diagonale a vuoto e si stabilirono con precisione le misure del diametro interno degli anelli da utilizzare nelle tre tornate: 11 – 9 – 6.5 cm; precedentemente erano misure “forfettarie”.

9 Settembre 1979: Mario Giacomoni dell’Ammanniti, in sella a Selmonsson, scese per primo sotto al minuto: 59″55°°.

14 Settembre 1980: Dalla Giostra della Sfida del 1980 si prese in considerazione, per la classifica finale, il tempo complessivo delle tre tornate.

12 Settembre 1982: A sorpresa, dopo essersi allenato durante l’estate per il Rione Contrastanga, Fabio Cruciani passò al Badia di Giampaolo Properzi, per un compenso di 4.000.000 di Lire. Si trattò del primo Cavaliere a ricevere un compenso per la partecipazione alla Giostra della Quintana. Il Contrastanga dovette ingaggiare, a pochi giorni dalla Giostra, Mauro Fondi.
La Giostra della Sfida fu vinta dallo Spada con Gianfranco Ricci su Zirmia.

19 Settembre 1982: Privo del necessario allenamento, Mauro Fondi del Contrastanga vinse il Palio in sella a Stellina; per i rionali gialloblù fu una “giusta vendetta”, seppur commisurata dalla “doppietta” dell’anno seguente firmata proprio dal Badia.

5 Ottobre 1984: Storica visita dell’allora Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, a Foligno.
La Giostra organizzata in suo onore, ed alla quale avrebbe dovuto assistere, non fu effettuata a causa del maltempo.

8 Settembre 1985: Una drammatica caduta di Mauro Mazzocchi del Rione Pugilli, in sella ad Argo, causò l’irrimediabile azzoppamento del cavallo che dovette essere abbattuto.
La domenica successiva, Mazzocchi non se la sentì di gareggiare, lasciando spazio all’esordiente Emanuele Filippucci.

20 Settembre 1987: Mauro Mazzocchi, nel frattempo passato al Croce Bianca, con cui aveva vinto i due Palii dell’86, in sella a Bolero IV stabilì il nuovo record di pista: 57″25°°.

9 Settembre 1990: Un’altra rovinosa caduta costò la vita ad un cavallo: Fuego dello Spada, montato da Gianfranco Ricci, venne abbattuto per la frattura di entrambe le zampe anteriori.

15 Settembre 1991: A causa della pioggia, la Giostra della Rivincita venne posticipata al 22 Settembre e fu doppietta per il Rione Croce Bianca grazie a Simone Bocci ed alla “Ferrari di Giostra” Bolero IV.

Settembre 1997: Il 14 non venne disputata la Giostra della Sfida a causa della pioggia e fu rimandata al 21; il 28 non venne disputata la Giostra della Rivincita a causa del terremoto di due giorni prima e venne annullata.

Settembre 1998: Entrambe le Giostre vennero posticipate per pioggia; la Sfida si corse il 20 Settembre e la Rivincita il 4 Ottobre.

12 Settembre 1999: Paolo Margasini del Pugilli su Ca’ Granda vinse la Giostra stabilendo il nuovo record di pista: 55″90°°. Manterlinda, dell’Ammanniti, montata da Riccardo Conti, si ferì in gara e fu successivamente necessario abbatterla.

19 Settembre 1999: Incidente per Ca’ Granda che riportò la lussazione del nodello; non fu abbattuta ma venne ritirata dalle competizioni.
Lorenzo Paci del Contrastanga, su For a Friend, vinse il Palio registrando un nuovo record: 55″50°°.

15 Settembre 2002: Lucio Antici dello Spada vinse il Palio in sella a Valdoyou; gli venne poi revocato a seguito dei controlli antidoping ed assegnato all’Ammanniti.

18 Settembre 2005: A causa della pioggia, la Giostra venne rinviata a Sabato 24 Settembre. 
In quell’occasione, il giovanissimo Massimo Gubbini, allora portacolori del Rione Croce Bianca, abbatté nuovamente il muro dei 55 secondi in sella all’indimenticabile Scala Minore, fermando i cronometri sul tempo di 54:36, il record di pista più duraturo dell’epoca recente (2005-2012).

17 Giugno 2006: Per la concomitanza con l’incontro di calcio Italia-U.S.A. valevole per il Campionato del Mondo che si svolgeva in Germania, la Giostra della Sfida venne rimandata al giorno successivo.

17 Settembre 2006: A causa della pioggia, la Giostra venne rinviata a Sabato 23 Settembre, in notturna.

14 Giugno 2008: A causa della pioggia, la Giostra della Sfida venne rimandata al giorno successivo, dove fecero il loro esordio gli anelli da 8, 6 e 5 centimetri.

14 Settembre 2008: Pomeriggio piovoso, la Giostra venne disputata alla sera.

9 Giugno 2011: Durante le prove per la Giostra della Sfida del 18, la cavalla Estrada, del Rione Morlupo, montata da Lucio Antici, si ferì incredibilmente con una bandierina che, anzichè cadere al suolo, le si conficcò in un fianco recidendo un’arteria addominale e causandone la morte.
Dalla Giostra successiva vennero utilizzate bandierine più sicure, appositamente ideate e realizzate.

15 Giugno 2013: Francesco Scattolini del Cassero, su Sword Dream stabilì il nuovo record di pista: 53″21°°; Luca Innocenzi del Contrastanga, in sella a Rowing Celt, girò a 52″52°°, ma il tempo non fu omologato perché il percorso non fu netto in quanto mancò un anello.

28 Agosto 2013: La purosangue Scheggia nel Vento, del Rione La Mora, montata da Lorenzo Paci, si fratturò durante le prove. Nonostante il ricovero alla Clinica Veterinaria di Perugia, fu necessario abbatterla.

10 Settembre 2013: Il purosangue Rowing Celt, protagonista nella Giostra di Giugno per il miglior tempo, anche se non omologato, è stato trovato morto nel suo box, probabilmente stroncato da un infarto.

14 Giugno 2014: Per la concomitanza con l’incontro di calcio Italia-Inghilterra valevole per il Campionato del Mondo che si svolgeva in Brasile, la Giostra della Sfida venne rimandata al giorno successivo ma, a causa della pioggia, venne ancora rimandata a Sabato 21.

 


 

L’otto di gara del Campo de li Giochi

Campo