La “Taverna del Fedele”

Il cuore nevralgico e decisionale delle attività rionali è appunto la Taverna del Fedele, che attualmente è alloggiata in uno dei più belli dei palazzi gentilizi di Foligno, in Via Butaroni.


Al suo interno durante l’anno fervono i preparativi che culminano rispettivamente durante i quindici giorni a Giugno e a Settembre in occasione dell’apertura al pubblico per il periodo quintanaro,  nel quale vengono servite ricette seicentesche, opportunamente adeguate per rispondere ai gusti moderni, nonché preparate normalmente utilizzando i prodotti tipici dell’Umbria.

Vuoi scoprire l’ultimo Menù della Taverna del Fedele?
Clicca qui!


Bisogna sottolineare il fatto che tutte le attività rionali che ruotano attorno al movimento “Quintana” si basano sul volontariato dei popolani, e di conseguenza la taverna è il luogo deputato ad organizzare, talvolta scientificamente,  tutta quella serie di manifestazioni collaterali, come cene, feste (anche in costume) balli, canti e giochi, predisposte sia dall’Ente Giostra Quintana sia dal Rione per cementare lo spirito di gruppo dei rionali.

La Taverna del Fedele, tra il pianterreno, anticamente adibito a cantina e ghiacciaia per la conservazione delle carni del Palazzo (ora di proprietà dell’Opera Pia Bartocci) con il suo pozzo e gli angusti spazi rinnovati negli anni 70’ del secolo scorso, ed i piani nobili, finemente riscoperti trent’anni fa nel loro pregevole e talvolta sfarzoso canone pittorico con i soffitti affrescati e i travi lignei a sorreggerne il peso, rappresenta il quartier generale del Rione Croce Bianca.


POST

Il locale si adorna dei suoi tavoli pronti a fornire vivande ai forestieri, dei propri abiti di barocco gusto sartoriale, delle sue genti ospitali e dei preziosi “Palii”, unica testimonianza tangibile in ambito quintanaro delle gesta della “Societas” più vincente e misteriosa di tutta la storia della Quintana di Foligno.